Secondo il Project Management Institute (Pmi), nei prossimi dieci anni la domanda di project manager qualificati da parte delle imprese aumenterà del 33% con 22 milioni di nuovi posti di lavoro in tutto il mondo.

Come coniugare la disponibilità di competenze specialistiche con un’attenta e rigorosa attività di governance e controllo di progetti più o meno complessi? Garantendo o migliorando marginalità tra preventivo e consuntivo e la qualità della delivery?

Il rispetto dei tempi, il coordinamento dei fornitori interni ed esterni coinvolti nel progetto, la verifica dei deliverable, l’allineamento delle task di deployment, il supporto di metodologie avanzate e quel pizzico di “fantasia”, flessibilità e intuito che spesso fanno la differenza, in caso di imprevisti, per un efficace recupero degli obiettivi progettuali.

Una professione e un ruolo cruciale e critico sul quale si concentra il fabbisogno professionale dei prossimi anni.

Una disciplina certamente trasversale che si esalta particolarmente nella progettazione del layer di sicurezza di infrastrutture mission critical e in generale nel deployment del framework di sicurezza (firewall, IDS/IPS, networking, controllo perimetrale, AAA , etc) di tutte le aziende impegnate nell’irrobustimento dei propri sistemi di sicurezza.

Il project manager: un ruolo cruciale per progetti cruciali di sicurezza e continuità operativa d’impresa. Un‘ opportunità di sviluppo professionale in cui applicare practice, discipline, programmi e certificazioni di innovative e lungimiranti Academy aziendali.